Maggio in vigna

Maggio è un mese di calma per il lavoro in vigna, ma non per questo meno importante. 

Si inizia così la spollonatura e la scacchiatura in tutte le viti; si lavora la terra intorno ad esse, oppure si trincia l’erba. Si iniziano le previste concimazioni foliari e si continua con diversi trattamenti che aiutano la vite, oppure negli impianti più giovani si legano i germogli. 

Il tutto lo si fa per ottenere dell’ottima uva che si esprimerà negli aromi e nei profumi del nostro vino!

Cantine San Pancrazio al Vinitaly 2022

Dal 10 al 13 Aprile si terrà a Verona la 54° edizione di Vinitaly, salone Internazionale dei vini e distillati.

Quattro giorni di grandi eventi, incontri B2B, degustazioni tecniche, prestigiose verticali, walk around tasting, aree tematiche e focus sui principali mercati.

Quest’anno saranno presenti 4.400 aziende da 19 Paesi, con 17mila etichette di vino in degustazione, tra i quali anche quelle di Cantine San Pancrazio pronta a rappresentare con i suoi straordinari vini il Salento e ad esprimere personalità, carattere ed unicità. Tra le etichette non potranno mancare quelle di Passione D’Italia e Salum premiate da 5StarWines – the Book con, rispettivamente, 90 e 91 punti.

Ci troverete presso Hall 11 Area C5 stand 43!

MUNDUS VINI 2022

Anche quest’anno Cantine San Pancrazio ha partecipato a Mundus Vini una delle competizioni enologiche più importanti del mondo. I vini che vengono presentati ogni anno sono ben 11.000 e questo dimostra l’importanza del concorso che si svolge in Germania, precisamente a Neustadt. L’obiettivo principale del concorso, al quale Cantine San Pancrazio partecipa con grande entusiasmo, è promuovere la qualità e la commercializzazione dei vini partecipanti. Ciò che per il consumatore è un utile strumento di orientamento, rappresenta per il produttore la conferma del suo operato.

Nella manifestazione appena svolta Cantine San Pancrazio è onorata di annunciarvi che ha ottenuto dei riconoscimenti importanti.

Una giuria internazionale e qualificata composta da enologi, viticoltori, rivenditori specializzati, sommelier e giornalisti del settore ha assegnato una Gold Medal a Passione d’Italia, DOC - Salice Salentino Negroamaro Riserva e ben quattro Silver Medal per: Novecentosessantuno, Salum, Campo Appio Primitivo e Rosalbòre. 

Una conferma dell’operato e dell’impegno che ogni giorno spinge Cantine San Pancrazio con tutto il suo staff a dare sempre il massimo per prodotti di qualità e unici.

 

Il potere curativo del vino

“Altro il vino non è se non la luce del sole mescolata con l’umido della vite” Galileo Galilei

Numerosi sono i benefici che si apportano con un calice di vino al giorno, benefici dimostrati da diversi studi scientifici che affermano quanto il vino sia salutare per il nostro organismo.

Ma vediamo da vicino tali benefici: grazie alle antocianine, ovvero i pigmenti responsabili della colorazione, si aiuta a mantenere il cervello in salute in quanto tali pigmenti contrastano la degenerazione dei neuroni, impedendo l’insorgere delle malattie del sistema nervoso centrale.

Il resveratrolo, invece, combatte la debolezza fisica e l’apatia e grazie ai polifenoli, il vino rosso aiuta a prevenire la formazione di coaguli e ridurre il rischio di colesterolo ldl. Grazie agli antociani, al resveratrolo, agli acidi idrossicinnamici, ai tannini e all’acido gallico, il vino dilata i vasi sanguigni favorendo la circolazione.

Uno studio condotto dall’Università della California ha rivelato, inoltre, che bere vino rosso con moderazione stimola il rilascio di endorfine e, di conseguenza, rende più rilassati e felici.

Ma mi raccomando ricordiamoci sempre che il vino è una bevanda alcolica per questo motivo cerchiamo di bere sempre in modo responsabile.

Salute!

 

Qual è la temperatura ideale per bere il vino rosso?

La temperatura ambiente è ideale quando si tratta di sorseggiare un vino rosso?

Ogni vino ha una temperatura ben precisa alla quale deve essere servito, in questo modo se ne esaltano le caratteristiche organolettiche.

Servire un vino alla giusta temperatura permette di esaltarne profumi e sapori, aumentando nel contempo il senso di piacevolezza gusto-olfattiva durante l’assaggio.

La temperatura svolge dunque una funzione fondamentale, rinforza alcune caratteristiche organolettiche e ne attenua delle altre. Una temperatura moderatamente più elevata aumenta la sensibilità delle papille gustative verso sensazioni quali la corposità e la morbidezza, mentre attenua le sensazioni più “dure” quali freschezza e sapidità.

Per quanto riguarda i vini rossi possiamo suddividerli in 2 categorie in riferimento alle temperature di servizio ideali:

  • -  Temperatura compresa tra 14-16°C per i Vini Rossi giovani, dei quali si apprezzano il sentore vinoso e le deliziose note floreali e di frutta fresca.

  • -  Temperatura di 16-18°C per i Vini Rossi di media struttura ed affinamento, caratterizzati da una componente tannica giovane ma non troppo irruenta.

  • -  Temperatura di 18-20°C per i Vini Rossi importanti, evoluti, di grande struttura e tannicità e lungo invecchiamento. Questo permette di esaltarne non soltanto l’eleganza, ma anche i profumi terziari e l’equilibrio delle componenti morbide e dure del vino. Temperature più alte ne metterebbero in risalto la morbidezza e l’alcolicità, mitigando in maniera eccessiva i tannini evoluti presenti in questi tipi di vino.